Da collocare il 3,4 per cento di ENI – Opzioni Binarie

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • Binarium
    Binarium

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Da collocare il 3,4 per cento di ENI

Il mondo delle opzioni binarie è legato al mondo azionario, nel senso che tramite questi strumenti finanziari facili e semplici da usare, come opzioni, si può anche scommettere sull’andamento di un titoli in borsa, senza fare necessariamente trading.

Chi investe in opzioni binarie e vuole correre qualche rischio in più, può provare a scommettere sull’andamento dei titoli in borsa. Oggi, sotto osservazione, c’è il titolo Eni. Quest’azienda, infatti, deve collocare il 3,4 per cento delle sue azioni che derivano dalla dismissione all’interno del riassetto di Snam Rete Gas.

Secondo alcune indiscrezioni finanziarie, le banche, oggi, sembrano pronte a collocare il 3,4 per cento dell’Eni che la Cdp deve dismettere. Le migliori banche d’affari si stanno muovendo per oliare il sistema e concludere al più presto l’operazione.

Sembra che siano coinvolti nell’affare UniCredit, JP Morgan e Mediobanca. Adesso che la stagione più volatile per i mercati si può dire arrivata alla sua naturale conclusione, l’obiettivo potrebbe essere far partire da settembre in poi l’operazione di vendita.

Le banche sopracitate, quindi, potrebbero avere presto l’incarico. Sicuramente si tratta del momento ideale per fare affari visto che il mese di agosto è stato provvidenziale si per piazza Affari, sia per l’Eni. La borsa Italia ha guadagnato complessivamente l’8,7 per cento e l’Eni può vantare un attivo del 4,6 per cento.

Tag: investire in opzioni binarie

Da collocare il 3,4 per cento di ENI

Il mondo delle opzioni binarie è legato al mondo azionario, nel senso che tramite questi strumenti finanziari facili e semplici da usare, come opzioni, si può anche scommettere sull’andamento di…

di Luigi Boggi – 3 Settembre 2020

La bad bank spagnola

Investire in opzioni binarie vuol dire anche prevedere quello che sarà l’andamento dei listini, quello che succederà sui mercati internazionali, tenendo conto anche e soprattutto delle mosse dei vari stati….

di Luigi Boggi – 3 Settembre 2020

Le altre caratteristiche di una piattaforma

Scegliere una piattaforma di trading affidabile, dove si possono diversificare gli investimenti e dove si rischia quasi tutto il capitale, è importante, prima ancora di procedere con l’analisi delle tendenze…

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • Binarium
    Binarium

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

di Luigi Boggi – 1 Agosto 2020

Opzioni binarie 60 secondi: cosa sapere

di Valentina Cervelli

Opzioni binarie vietate: tiriamo le somme

di Valentina Cervelli

Opzioni binarie, gli indicatori più importanti per principianti

di Valentina Cervelli

Trading: 24Option sospesa da Consob in Italia

di Valentina Cervelli

Opzioni binarie, Bande di Bollinger e Oscillatore RSI

di Valentina Cervelli

OpzioniBinarieLive is part of the network IsayBlog! whose license is owned by Nectivity Ltd.

Managing Editor: Alex Zarfati

OpzioniBinarieLive è un sito esclusivamente divulgativo e non può essere ritenuto responsabile degli investimenti effettuati dagli utenti.

Eni, banche pronte a collocare il 3,4%

Carlo Festa Cronologia articolo 02 settembre 2020

In questo articolo
Storia dell’articolo

Questo articolo и stato pubblicato il 02 settembre 2020 alle ore 08:24.

Banche in fila per collocare il 3,4% di Eni che la Cdp deve dismettere all’interno del riassetto di Snam Rete Gas. Secondo indiscrezioni, nelle ultime settimane, ci sarebbero infatti state discussioni con alcune banche d’affari: contatti ci sarebbero stati con UniCredit, JP Morgan e Mediobanca.
In vista il collocamento
L’obiettivo, secondo i rumors, sarebbe fare partire l’operazione da settembre in poi, complice un miglioramento della situazione dei mercati. Cosм l’incarico alle banche potrebbe essere affidato al piщ presto, quando si presenterа una finestra favorevole sulle Borse. Del resto, il mese di agosto и stato positivo per i mercati: Piazza Affari ha guadagnato l’8,7%, mentre Eni ha un bilancio in attivo: +4,6 per cento. Il copione sembra scritto: le merchant bank coinvolte dovrebbero rilevare il pacchetto del 3,4% per poi suddividerlo fra gli investitori istituzionali, italiani ed internazionali, interessati.
I candidati non mancano, visto che Eni resta la regina di Piazza Affari ed и il titolo con la maggiore capitalizzazione della Borsa italiana: oltre 63 miliardi di euro. La partecipazione del 3,4%, ai prezzi attuali di mercato, dovrebbe valere attorno ai 2,2 miliardi.
La quota che deve cedere la Cassa depositi e prestiti и quella eccedente il 30 per cento del capitale del gruppo guidato da Paolo Scaroni a seguito dell’annullamento delle azioni proprie di Eni. L’operazione и stata studiata dalla Cdp, in modo da fare cassa in vista del trasferimento concreto delle azioni Snam, che ci sarа a metа ottobre dopo l’avvenuto via libera dell’Antitrust al riassetto.
Cosм alla fine per la Cdp il riassetto, che porterа Snam nel suo perimetro, avrа un impatto di cassa neutrale: se si conta, appunto, la cessione delle azioni Eni, la restituzione a Snam del gasdotto Tag ed il programma di buyback sugli stessi titoli del Cane a sei zampe.
Alla finestra il Qatar
Nel frattempo osserva con grande attenzione la situazione il fondo del Qatar, cioи la Qia (la Qatar Investment Authority). Secondo indiscrezioni raccolte sul mercato, proprio Qia avrebbe negli ultimi mesi rastrellato azioni di Eni per arrivare ad accumulare una piccola posizione: si parla di circa l’1% del capitale, cioи un pacchetto che ai prezzi attuali dovrebbe valere attorno ai 600 milioni di euro.
L’acquisto riflette una strategia di diversificazione. Il Qatar negli ultimi tempi avrebbe investito in numerose compagnie petrolifere straniere con piccole quote: in particolare, con l’ingresso nel capitale del colosso anglo-olandese Shell (con una quota sotto il 3%).
Inoltre, il Qatar resta, tra i Paesi arabi, uno dei piщ stretti alleati commerciali di Eni. Dopo la firma, nel 2008, di un protocollo con la Qatar Petroleum international per trovare occasioni di investimento congiunto negli idrocarburi.
Senza dimenticare che il Qatar potrebbe essere un socio gradito allo stesso Governo. Durante un vertice ufficiale con il premier Mario Monti, ai primi di maggio, lo stesso emiro aveva spiegato che il suo Paese era alla ricerca di «nuove opportunitа di investimento in Italia». Possibile, dunque, che Qia possa puntare ad accrescere la posizione su Eni investendo sul pacchetto che Cdp si appresta a cedere. Resta perт un dettaglio di rilievo da tenere in considerazione: Qia investe solitamente su pacchetti azionari di societа straniere, quando l’offerta comporta un certo sconto. Resta da capire dunque se per Cdp non sia piщ conveniente spezzettare il 3,4% in suo possesso tra numerosi istituzionali, con l’aiuto delle banche, in modo da massimizzare l’incasso su un titolo che resta tra i piщ liquidi di Piazza Affari.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • Binarium
    Binarium

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Like this post? Please share to your friends:
Come scegliere un broker di opzioni binarie
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: