Grafico Candele Giapponesi

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • Binarium
    Binarium

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Trading online mediante grafico a candele giapponesi: come leggere i grafici candlestick 5

Il grafico a candele giapponesi è sempre associato al trading online. Tra i vari strumenti grafici, i candlestick sono quelli che hanno la tradizione più lunga e vantano una diffusione mondiale. Il successo dei grafici a candela, infatti, prescinde dal discorso del trading di Cfd e riguarda tutto l’universo della lettura dell’investimento. Le origini di questo tipo di grafico sono antichissime. I primi grafici a candela, infatti, fecero la loro comparsa circa 500 anni fa nel lontano Giappone.

Il principio su cui si poggia il funzionamento dei candlestick è molto semplice. Grazie all’uso di colori diversi e all’associazione tra lunghezze e movimenti al rialzo o al ribasso, il grafico a candela fotografa quello che è l’andamento di un asset o del mercato. Questo fattore spiega perchè tanti investitori scelgono di fare trading on line con i grafici a candela. Questi strumenti sono l’asse portata della cosiddetta analisi tecnica.

Restando al solo caso del Cfd Trading, infatti, grazie ai candlestick è possibile apprendere tantissime informazioni. Non solo. I grafici a candela consentono anche di tracciare una strategia trading che permette di guadagnare con i Cfd. Ovviamente le strategie vincenti sono il prodotto di tanta esperienza. Prima di improvvisarsi ideatori di strategie trading basate sui grafici a candela è però utile conoscere i candlestick. Cosa sono i grafici a candela? Come si leggono le candele giapponesi nel trading? A tutte queste domande proveremo a rispondere.

Come si leggono le candele giapponesi

Per leggere un grafico a candele giapponesi è necessario attenersi a poche semplici regole. Solitamente le istruzioni su come leggere candlestick sono precedute da un sintetico schema esplicativo che correda appunto questo articolo. Ma a cosa servono le candele giapponesi? La finalità di questo strumento è quella di verificare se il prezzo di un asset o di un mercato è in aumento o in diminuzione. Un’operazione importatissima poichè da essa dipende il successivo posizionamento dell’investitore.

Candele giapponesi cosa sono: caratteristiche

Un grafico a candele giapponesi è formato dai seguenti elementi: il colore, il Read Body o Corpo, Prezzo Iniziale e Prezzo Finale (Open e Close), Massimo e Minimo (o shadows).

Tra le caratteristiche che contraddistinguono le candele giapponesi c’è il colore. Su questo punto c’è molta confusione perchè i colori utilizzati dalle varie piattaforme di trading tendono a variare. I grafici a candele giapponesi di alcuni broker, infatti, presentano la coppia bianco/nero. Su altre piattaforme, invece, troviamo la coppia verde e rosso e su altre ancora la coppia blu e rosso. A prescindere dal colore della coppia, quello che non cambia è il significato. Un colore, infatti, indica la diminuzione di prezzo e l’altro un aumento.

Read Body candele giapponesi

Se per il colore non esistono problemi di identificazione, più complesso è capire cose si intende per Read Body di una candela giapponese. In questo caso sono le stesse parole che aiutano poichè il Corpo di un grafico a candele altro non è che il rettangolo che costituisce la struttura della stessa candela. Concettualmente il Read Body indica la variazione di prezzo dell’asset nel periodo di riferimento. L’unità di misura temporale impostata è quella propria del grafico. In altre parole, se si è scelto come periodo di riferimento 1 ora, la candela giapponese riproporrà la variazione di prezzo che è avvenuta proprio in quell’ora. Stesso discorso nel caso in cui si importi un range di tempo più lungo.

Se lo scostamento di prezzo è stato marginale, il rettangolo della candela giapponese sarà molto schiacciato. Se la variazione di prezzo è stata invece consistente, il grafico presenterà tante candele allungate. Visivamente parlando il grafico a candele giapponesi serve proprio a questo: a comprendere immediatamente il livello di volatilità esistente.

Open e close candele giapponesi

La parte superiore e quella inferiore del rettangolo della candela, indicano il prezzo di apertura e quello di chiusura (Open e Close). Grazie a questi due dati è possibile fare un’analisi sull’andamento dell’asset. Questa funzione, nel caso del trading online, è molto importante anche per delineare le strategie future. Anche in questo caso, le prime informazioni sono quelle visibili. Se il prezzo di apertura è stato superiore a quello di chiusura, il rettangolo si presenta in un certo modo. Se invece è il prezzo di chiusura ad essere maggiore, la candela avrà altre forme.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • Binarium
    Binarium

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Shadows candele giapponesi: massimo e minimo nei candlestick

Tra le altre informazioni che il grafico a candele giapponesi permette di vedere immediatamente ci sono anche i cosiddetti Shadows. Questo strano termine nei candlestick indica il punto di massimo e il punto di minimo toccato dall’asset sempre nell’intervallo di tempo scelto. In pratica gli Shadows altro non sono che le fiammate delle candele oppure, come vengono definite dai traders, le ombre. E’ importante evidenziare che le ombre nelle candele giapponesi non sono sempre presenti. Ovviamente ombre lunghe verso l’alto e ombre lunghe verso il basso sono segnali una una volatilità molto alta.

Un errore da non commettere quando si legge un grafico a candele giapponesi è quello di non confondere gli Shadows con l’Open/Close. Non sta scritto da nessuna parte, infatti, che il massimo (o il minimo) proiettato dall’ombra coincidano con i prezzi di chiusura e di apertura. Le ombre delle candele giapponesi sono anzi quasi sempre proiezioni di apprezzamenti e deprezzamenti che avvengono nel corso della seduta.

Grafico a candele giapponesi come si legge

Abbiamo ora tutti gli elementi per capire come leggere un grafico a candele giapponesi. Prese singolarmente le candele non hanno alcun significato se non quello di capire in quel lasso di tempo quale direzione ha preso l’asset monitorato. Per fare trading online, sia esso binario o sia esso relativo ai Cfd, serve invece un confronto. Quando ci si chiede come fare per leggere un grafico a candele giapponesi si presume che difronte non si abbia una candela ma tante candlestick. La prima deduzione che si può fare dalla lettura è quella relativa alla predominanza di colore. Se sul grafico compaiono, in successione, tante candele colorate di rosso, allora si può affermare che è in corso un trend ribassista. Questa deduzione è importante anche per impostare una successiva strategia di trading.

Un secondo elemento da guardare nella lettura di un grafico a candele giapponesi, è l’incidenza di candele allungate. Quanti più rettangoli lunghi ci sono (indipendentemente dal loro colore), tanto maggiore è la volatilità dell’assets.

Per finire, per leggere un grafico di candlestick e fare trading online, è anche utile tenere in considerazione l’incidenza della fase di “incertezza”. In questo caso ad essere oggetto di monitoraggio deve essere quella fase di aumento e diminuzione del prezzo senza la presenza di una direzione precisa. Un momento simile, caratterizzato da un alto livello di incertezza, è tra le più difficili da comprendere per fare trading online.

Leggere il grafico candlestick non basta

Per mettere a punto una efficace strategia di trading la lettura del grafico a candele da sola non basta. E’ vero infatti che dal grafico candlestick si possono ottenere tante informazioni ma per fare delle previsioni e posizionarsi serve anche l’analisi fondamentale. Il grafico a candele è il più importante e noto tra i grafici di borsa. Tanti traders, però, non utilizzano le candlestick da sole ma abbinano questo grafico ad altri strumenti.

Per imparare a leggere un grafico a candele in modo immediato, il consiglio che ci sentiamo di dare è quello di fare tanta pratica sulle piattaforme Forex & Cfd Trading attraverso i conti demo. Nell’elenco sottostante sono indicate le migliori piattaforme autorizzate e regolamentate. Per aprire un conto virtuale sono necessari davvero pochi click.

Grafico a candele giapponesi vantaggi

Chi si avvicina al mondo del trading online da principiante, è portato a chiedersi quale è il vantaggio delle candele giapponesi. Dare una risposta a questa domanda significa comprendere i motivi alla base del successo delle candlestick. Il grafico a candele giapponesi è un eccezionale strumento di analisi in primo luogo visiva. Grazie ai colori, ai massimi e ai minimi nonchè all’ampiezza dei rettangoli e alla profondità delle, con questo grafico si può avere una immediata valutazione del trend dell’asset.

Le opinioni sui grafici a candele giapponesi sono tutte positive. Tanti traders, in particolare, insistono sul fatto che, grazie a questo strumento, è possibile cogliere la presenza di eventuali sbilanciamenti tra acquisti e vendite. Oltre a questo vantaggio, il grafico candlestick permette di cogliere anche eventuali trend in corso, andandosi a posizionare la dove le previsioni spingono. Per fare trading senza errori l’uso del grafico a candele giapponesi è essenziale.

Tipi candele giapponesi: cosa significano le candlestick

Per analizzare un grafico è necessario saper valutare le informazioni che arrivano da ogni singola candela. Se in precedenza abbiamo messo in evidenza le informazioni di massima che sono ottenibili da un grafico a candele giapponesi, adesso scendiamo più ne dettaglio. Le candlestick, infatti, possono tra loro presentare leggere differenze che vanno comunque colte se si vuole poi elaborare una strategia trading. Dopo aver specificato le caratteristiche generali del grafico a candele giapponesi, vediamo ora le situazioni più frequenti.

Long Black Body

Una candela di tipo Long Body indica la presenza di una situazione ribassista consolidata. In termini di strategia trading, la presenza di un grafico a candele giapponesi dominato dalle Long Black Body dovrebbe indurre a pensare che il trend ribassista possa continuare anche nelle prossime sedute. Con le Long Black Body il consiglio è di aprire posizioni trading di vendita già a partire dal momento immediatamente successivo all’analisi.

Long White Body

Situazione opposta alla precedente quindi rialzista. Se su un grafico a candele giapponesi domina la figura del Long White Body allora si può affermare che l’andamento di quel Cfd (nel caso cui abbiamo a che fare con trading di Cfd) è esclusivamente rivolto verso l’alto. I casi più limpidi di Long White Body sono quelli relativi al cosiddetto marubozu. Questo stranissimo termine nel trading online sta ad indicare l’assenza completa di ombre. Nella lettura di un grafico a candele giapponesi le ombre sono assenti se l’asset ha chiuso la seduta al suo massimo.

Quali previsioni si possono fare guardando le candlestick Long White Body. Lasciando sempre un margine di rischio, una figura così impostata verso il rialzo lascia intendere che il trend positivo possa continuare anche nelle successive giornate. E’ importante, però, tenere sotto occhio eventuali contrazioni del trend rialzista. Con una Long White Body in corso è meglio adottare una strategia trading rialzista, quindi aprire posizioni sui Cfd. Attenzione, però, ad eventuali segnali di inversione. A volte bastano delle indiscrezioni su nuovi prodotti (nel caso in cui si abbia a che fare con un Cfd su un grande tecnologico come Apple).

Spinning Top

Antitetica alle Long White Body e alle Long Black Body è la figura dello Spinning Top. Se un grafico a candele giapponesi presenta questa situazione, significa che non ci sono segnali ne rialzista ne tantomeno ribassisti. Dal punto di vista del trading online, si ha una situazione di permetto equilibrio tra le vendite e gli acquisti. Aprendo una posizione in una situazione simile si corrono pochi rischi di perdere vista l’assenza di volatilità. Al tempo stesso, però, impostare una strategia trading con una Spinning Top in corso non è affatto facile. Il consiglio in questi casi è quello di non limitarsi al solo studio dei grafici ma di allargare l’orizzonte anche ad altri market mover. Intercettare i segnali di una possibile accelerazione in senso ribassista o in senso rialzista significa avere la possibilità ottenere buoni guadagni dal trading online.

I market mover, assieme all’analisi tecnica che si fa sui grafici trading, sono le leve che muovono i Cfd. Per iniziare a fare pratica utilizzando entrambi questi strumenti è sempre opportuno aprire un conto demo su una piattaforma autorizzata.

Apri un conto Markets.com

Prova il trading forex & CFD aprendo un conto demo! Scopri come è facile e veloce fare trading con un broker regolamentato ed autorizzato!

Candela Long Lower Shadow

Con questo tipo di candela giapponese si entra nell’ambito delle figura più particolari dei candlestick. Le Upper Shadow Lines presentano una linea di ombra collocata verso l’alto che scaturisce però solo dopo la conclusione di un trend fortemente ribassista. In pratica dal punto di vista del trading online è avvenuta una situazione di questo tipo: gli investitori hanno puntato su nuovi ribassi, ispirati dal trend ribassista, ma sono stati respinti dal ritorno degli acquisti. La resistenza non è stata quindi sfondata e la quotazione del Cfd a riprendere quota.

Dal punto di vista grafico tutto questo si è tradotto in una lunga ombra verso il basso. I traders sono soliti tenere sempre in forte considerazione le Long Lower Shadow in quanto esse permettono di identificare visivamente un’area di supporto. C’è quindi un punto sotto il quale la quotazione non scende. In presenza di Long Lower Shadow la strategia trading da adottare è quella rialzista a partire già dalla seduta successiva.

Candela Long Upper Shadow

Siamo nell’ambito della situazione opposta alla precedente. In questo caso, infatti, c’è una linea di ombra collocata verso il basso che arriva al termine di un trend fortemente rialzista. Dal punto di vista del trading online quello che è avvenuto è così sintetizzabile: i traders hanno puntato su nuovi rialzi dalla quotazione ma ad un certo punto la spinta si è fermata. La quotazione del Cfd è stata respinta ed è tornata verso il basso. Da punto di vista grafico tutto questo si è tradotto in una forte ombra questa volta volta collocata verso l’alto. I traders sono soliti sempre tenere in debita considerazione la candela Long Upper Shadow in quanto essa indica un’area di resistenza sopra la quale c’è difficoltà ad andare.

In presenza di una situazione di questo tipo il consiglio è quello di adottare una strategia trading ribassista già dalla seduta successiva.

Candela Doji

Questa candela giapponese si presenta sul grafico candlestick nel momento in cui si è in presenza di una situazione di forte equilibrio. In pratica spunti di acquisto e spunti di vendita si equivalgono completamente. La figura della Doji, però, non indica un periodo di assoluta calma. I traders, infatti, sono soliti vedere nella Doji un momento di transizione verso un preciso cambio di rotta. Dal punto di vista della strategia trading, però, un grafico a candele giapponesi che presenta tante Doji non è di facile interpretazione. Per stabilire se puntare su posizioni rialziste o su posizioni ribassiste è meglio tenere in considerazione anche altri fattori.

Anche in questo caso il consiglio che si sentiamo di dare è quello di aprire prima un conto demo e fare pratica con queste situazioni che sono molto diffuse nel trading online.

Apri un conto Plus500

Prova il trading CFD aprendo un conto demo! Scopri come fare trading con un conto demo offerto da un broker regolamentato ed autorizzato!

Trading online grafico a candele giapponesi: conclusioni

In questa guida abbiamo passato in rassegna le situazioni più frequenti che si trovano su un grafico a candele giapponesi. Imparare a leggere le candlestick non è semplice. Far scaturire una strategia trading vincente dalla lettura del grafico è poi ancora più complesso. Soprattutto se si è dei traders principianti, il consiglio è quello di fare tanta pratica. Il grafico a candela è quello più usato da tutti gli investitori. Certo sarebbe l’ideale se ci fosse una sorta di affiancamento nella fase di preparazione. Ci sono strategie che si possono adottare oltre al semplice conto demo? La risposta a questa domanda è si. Scegliendo il broker di social trading eToro, infatti, è possibile non solo fare pratica con il conto demo ma anche avere la possibilità di interagire con traders esperti.

eToro, infatti, è il migliore broker autorizzato per chi punta allo scambio di informazioni. Basandosi sul meccanismo della community e della condivisione, la piattaforma eToro è una delle migliori scelte per chi cerca un broker affidabile. Tutte le opinioni su eToro insistono molto sulla funzione social della piattaforma e le recensioni sui grafici eToro sono positive.

Apri un conto eToro

Prova il trading forex & CFD aprendo un conto demo! Scopri come è facile e veloce fare trading con un broker regolamentato ed autorizzato!

Introduzione all’analisi candlestick

L’analisi candlestick (o grafico a candele) è nata nel Giappone feudale tra il diciassettesimo e il diciottesimo secolo e rappresenta forse la più antica metodologia di analisi dei mercati finanziari.

La rappresentazione grafica dei mercati tramite le candele giapponesi presenta degli immediati vantaggi anche per i trader neofiti in quanto evidenzia immediatamente a livello visivo lo sbilanciamento di forze tra i compratori e i venditori in ogni singola sessione di scambi.

Il grafico a candele è di semplice costruzione e non richiede alcuna informazione aggiuntiva rispetto a quello a barre. Sono infatti sufficienti i quattro prezzi riassuntivi delle contrattazioni (apertura, massimo, minimo e chiusura).

La costruzione del grafico mediante candele giapponesi offre, tuttavia, rispetto a quello a barre, una informazione aggiuntiva basata dalla relazione tra il primo e l’ultimo prezzo scambiati, ovvero il dato di apertura e quello di chiusura.

Ogni singola candela è infatti costituita da:

  • Main o real body (“jittay” in giapponese): è il “corpo” della candela, che si ottiene unendo il prezzo di apertura con quello di chiusura.
  • Shadows (“kage”): sono le linee sottili che collegano il massimo e il minimo di seduta al body, rispettivamente definite “upper shadow” (“uwakage”) e “lower shadow” (“shitakage”).

Ogni candela può assumere un diverso colore (generalmente quelle più utilizzate sono di colore rosso e verde, oppure bianco e nero) a seconda che la chiusura del mercato sia maggiore (“seduta positiva”) o minore (“seduta negativa”) della relativa apertura.

Nel software di analisi grafica si usa spesso la convenzione di “riempire” il body della candela ribassista (colorandola di nero) lasciando, invece, vuoto (tracciandone solo il contorno) il corpo della candela rialzista, come possiamo vedere nell’immagine che segue.

L’analisi candlestick consente di identificare, come base di partenza, nove diversi tipi di candele, ognuna delle quali rappresenta un differente movimento del mercato all’interno della seduta di contrattazione, come possiamo vedere di seguito:

1. Long white body. Implicazioni fortemente rialziste. Il mercato si è spinto in una unica direzione, ovvero al rialzo. Infatti successivamente alla apertura i prezzi si sono spinti verso l’alto andando a chiudere in prossimità dei massimi fatti registrare nella sessione di contrattazione.

Nel caso in cui l’apertura coincida con il mino della seduta e la chiusura con il massimo, questa candela rappresenta la massima forza rialzista che un mercato possa esprimere e si presenta dunque senza shadows (o comunque con shadows pressoché inesistenti). In questo caso si parla di “marubozu”.

La presenza di questo squilibrio di forze a marcato favore degli acquirenti dipinge uno scenzario potenzialmente rialzista anche per la seduta immediatamente successiva.

2. Long black body. Implicazioni fortemente ribassiste. E’ un pattern esattamente speculare al precedente ed evidenzia una decisa prevalenza dei venditori rispetto agli acquirenti. Se ne deduce una elevata probabilità di ulteriori ribassi nella seduta immediatamente successive.

3. e 4. Small body / spinning top. Questi pattern candlestick indicano una sostanziale stabilità del mercato. Queste candele presentano un corpo di dimensioni troppo ridotte per consetre di valutare lo squilibrio tra acquirenti e venditori e, ciò, indipendentemente dal colore della singola candela (la n. 3 indica rialzo e la n. 4 ribasso). In termini previsionali queste figure evidenziano moderate potenzialità di rialzi (la n. 3) o di ribassi (la n.4).

5. e 6. Upper shadow lines. Implicazioni ribassiste. Questi pattern, per avere implicazioni ribassiste, devono tuttavia trovarsi dopo un up trend pittosto pronunciato. L’ombra superiore sta a significare che i tentativi di ulteriori rialzi effettuati dagli acquirenti, hanno ceduto il passo al ritorno dei venditori che hanno respinto le quotazioni creando una upper scado piuttosto importante. In prossimità dei massimi di questa figura potremo pertanto identificare un’area di resistenza. Il pattern indica debolezza anche per la seduta immediatamente successiva.

7. e 8. Lower shadow lines. Implicazioni rialziste. Questo pattern candlestick è speculare al precedente e per assumere significato deve formarsi dopo un down trend piuttosto pronunciato. In questo caso l’ulteriore tentativo di allungo ribassista ha trovato un ritorno degli acquirenti che hanno risollevato le quotazioni In questo caso in prossimità dei minimi della candela potremo identificare una zona di supporto. Questo pattern genera una attesa rialzista anche per la seduta successiva. In queste configurazioni, così come in quelle della figura 4, il colore del real body riveste un’importanza secondaria essendo invece importante la formazione di una shadows (ombra) molto pronunciata.

9. Doji. Situazione di assoluto equilibrio. L’assenzadel real body (open = close) è espressione di massimo equilibrio tra acquirenti e venditori e quindi di incertezza del mercato. Secondo la letteratura giapponese il doji identifica che il “mercato è a un bivio. Molto significativa è la formazione di una doji dopo periodi di forte direzionalità del mercato. Molto spesso la direzione del mercato per le sedute seguenti è segnalata dalla violazione del massimo (trend rialzista) o del minimo della doji (trend ribassista).

Partecipa ai nostri webinar

Vai al calendario e scegli l’argomento che ti interessa approfondire insieme ai nostri esperti, tra cui Bruno Moltrasio.

Cosa aspetti? Apri un conto

Aprire un conto è totalmente gratuito e in pochi minuti sarai pronto a fare trading.

Siamo disponibili dal lunedì al venerdì, dalle 09:00 alle 19:00 (CET) al numero verde:

In alternativa puoi scriverci all’indirizzo email [email protected]

Conto demo

Esplora la nostra piattaforma di trading pluripremiata, attraverso il nostro conto demo gratuito.

Altri articoli della sezione 4

Mercati

Trading

Piattaforme e app

Analisi di mercato

Contatti

Non cliente: 800 897 582 oppure [email protected]

Programma di collaborazione: contattaci

Fare trading comporta dei rischi. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 76% di conti al dettaglio perdono denaro nelle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita.

Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio.

Le perdite dei clienti professionali possono eccedere i loro depositi.

I conti CFD sono offerti da IG Markets Ltd; i conti CFD, opzioni e certificati sono offerti da IG Europe GmbH. IG è un marchio registrato. IG si riferisce a IG Markets Ltd e IG Europe GmbH. IG Markets Ltd (una società registrata in Inghilterra e Galles al n. 04008957, con sede legale a Cannon Bridge House, 25 Dowgate Hill, London, EC4R 2YA) è autorizzata e regolamentata dalla Financial Conduct Authority di Londra al n. 195355 ed è iscritta al Registro delle Imprese di Investimento Comunitarie con Succursale tenuto dalla CONSOB al n. 72. P. IVA 06233800967. IG Markets Ltd Filiale Italiana ha sede in Via Paolo da Cannobio 33, 20202 Milano. IG Europe GmbH (una società costituita nella Repubblica Federale di Germania e iscritta al Registro delle Imprese di Francoforte al n. HRB115624, con sede legale a Westhafenplatz 1, 60327 Francoforte) è autorizzata e regolamentata nella Repubblica Federale di Germania dalla Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsaufsicht e dalla Deutsche Bundesbank al n. 148759 ed è iscritta al Registro delle Imprese di Investimento Comunitarie con Succursale tenuto dalla CONSOB al n. 170. P. IVA 10372620962. IG Europe GmbH Filiale Italiana ha sede in Via Paolo da Cannobio 33, 20202 Milano, Italia.

Le informazioni contenute nel presente sito non sono dirette a soggetti residenti negli Stati Uniti d’America o in Belgio o in qualsiasi altro paese al di fuori dell’Italia. Le informazioni contenute nel presente sito non sono destinate né intese alla distribuzione, o all’utilizzo da parte di soggetti residenti in una giurisdizione o paese in cui tale utilizzo o distribuzione sarebbero contrari alla legge o normativa locale applicabile.

Analisi tecnica: come si leggono i grafici a candele giapponesi

È possibile cogliere una parte dei movimenti che quotidianamente animano le varie borse, valute e materie prime e investire consapevolmente e con profitto i nostri risparmi?

Sì, è possibile capire come si muovono i mercati o un singolo titolo grazie all’uso di uno strumento: il grafico a candele giapponesi.

Come spesso accade nelle cose della vita, molte delle risposte sono già lì: sotto il nostro naso.

L’analisi tecnica, basata essenzialmente sulla lettura dei mercati attraverso i grafici di borsa, costituisce un’incredibile risorsa se sappiamo dove e cosa guardare.

Uno strumento potente in tal senso è costituito dai grafici a candele giapponesi , il cui nome deriva proprio dalla rappresentazione che i giapponesi utilizzavano, già nell’antichità, per descrivere l’andamento del mercato del riso.

Innanzitutto comprendiamo come un grafico a candele giapponesi ci fornisca molte informazioni in più rispetto ad un grafico lineare. Mentre infatti quest’ultimo ci segnala unicamente la variazione dei prezzi di chiusura del titolo che stiamo esaminando, con il grafico a candele possiamo invece cogliere andamento e tendenze e persino anticiparne, con un buon grado di probabilità l’andamento futuro.

Iniziamo comprendendo come una candela giapponese rappresenti un’unità di tempo (tipicamente un giorno ma volendo anche una settimana, un’ora, un mese, 15 minuti ecc.) e che, all’interno di tale unità di tempo, ci dice subito, che il mercato ha avuto una tendenza rialzista ( candela di colore verde , vedi figura 2), che ha aperto alle ore 09:00 al prezzo di 10€, che ha raggiunto un minimo di quotazione di 9€, un massimo al prezzo di 16€ e che, alle ore 17:00, ha chiuso al prezzo di 15€… il tutto con un semplice colpo d’occhio!

Al contrario, una candela di colore rosso (figura 3) ci mostra la tendenza ribassista del mercato comunicandoci l’apertura a 15€, il minimo ed il massimo valore del giorno rispettivamente a 9€ e a 16€ e la chiusura al prezzo di 10€.

Una candela, quindi, rappresenta l’intera volatilità della giornata (o altra unità di tempo se selezionata), evidenziando mediante il corpo della stessa (verde o rosso), la distanza tra prezzo di apertura e di chiusura, e mediante le ombre il punto massimo ed il punto minimo che il prezzo ha raggiunto. Gli elementi a tua disposizione per valutare ed analizzare le candele, e quindi la tendenza della giornata, sono quindi la sua forma (dimensioni del corpo e delle ombre) ed il suo colore.

Grazie all’analisi tecnica, i più significativi insegnamenti che potrai ricevere saranno proprio l’identificazione del trend di un titolo (azioni, valute, indici) e il modo in cui identificare, mediante la forma delle candele e le loro combinazioni, i segnali di entrata, i punti nei quali prendere profitto ed in cui posizionare gli stop loss, in pratica tutto ciò che serve per tagliare le perdite e far correre i profitti!

Continuando con l’identificazione della tendenza, nella figura 4 vediamo un altro esempio interessante nell’utilizzo delle candele andando a presentare le tipiche candele che ci segnalano un’imminente inversione del trend. La prima candela verde, fortemente rialzista (nota l’ombra lunga di minimo che ci segnala come il titolo abbia trovato forti ordini di acquisto dopo una recente base ribassista) è infatti spessissimo anticipatoria di un’inversione rialzista così come, viceversa, la candela rossa (con l’ombra che spinge il corpo verso il basso) è sovente il primo segnale di un imminente crollo dei prezzi.

A tutti gli effetti, imparare come interpretare le candele giapponesi e le loro combinazioni (“pattern” di entrata, uscita, inversione) sono una delle basi più importanti per qualsiasi attività professionale di trading si voglia intraprendere, conoscenza in assenza delle quali l’attività di compravendita di azioni, valute o altri beni scambiabili sui mercati diventa puro esercizio di fortuna o azzardo che è l’ultima cosa che una persona saggia vorrebbe effettuare con il proprio denaro faticosamente risparmiato.

Se ti interessano questi argomenti e vuoi approfondire il discorso, ti aspetto all’interno della Community di Educazione Finanziaria Efficace

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • Binarium
    Binarium

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Like this post? Please share to your friends:
Come scegliere un broker di opzioni binarie
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: