Jeff Bezos biografia libro e patrimonio del fondatore di Amazon

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • Binarium
    Binarium

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Patrimonio di Jeff Bezos. Quanto è ricco il CEO di Amazon

Senza ombra di dubbio il patrimonio di Jeff Bezos è il più grande del mondo. Infatti il fondatore di Amazon è l’ uomo più ricco del mondo.

Per molto tempo il primato è stato quello di Bill Gates fondatore di Microsoft. Tuttavia negli ultimi anni Bezos è cresciuto sempre di più mentre il rivale Gates ha perso terreno.

D’ altra parte la rivista Forbes parla chiaro. Infatti nella classifica del 2020 si stima che il fondatore di Amazon possiede un patrimonio di circa 138 miliardi di dollari. Questa colossale cifra lo posiziona non solo come l’ uomo più ricco del mondo bensì come uomo più ricco di tutti i tempi. Infatti il massimo storico è stato raggiunto da Bill Gates 1999.

In quegli anni la cifra record era di circa 100 miliardi di dollari. Dopodichè il fondatore di Microsoft ha cominciato a ridurre il suo patrimonio a causa della sua eccessiva generosità. Invece il patrimonio di Jeff Bezos fondatore di Amazon è cresciuto sempre di più.

Al momento la generosità del patron di Amazon lo ha spinto a fare la sua prima donazione nel 2020. Con ben 33 milioni di dollari, l’ uomo più ricco del mondo ha finanziato un programma di inserimento scolastico per i figli degli immigrati nel territorio statunitense.

Una donazione gigantesca sotto certi punti di vista. Tuttavia sotto il punto di vista di Bezos si tratta di poche briciole. Infatti nel corso di questo articolo ti spiegherò tutto quello che devi assolutamente conoscere sui guadagni e sulle spese dell’ uomo più ricco del mondo.

Patrimonio di Jeff Bezos. Ecco quanto guadagna

Il patrimonio di Jeff Bezos è il più grande del mondo. Infatti l’ uomo più ricco del mondo sino ad oggi ha accumulato un patrimonio di quasi 138 miliardi di dollari.

Ma com’è possibile tutto ciò ?

Sicuramente negli ultimi anni l’ introduzione di nuovi servizi ha stimolato la crescita di Amazon in maniera esponenziale. Infatti oltre ad Amazon Prime anche i vari servizi come Kindle Unlimited hanno aumentato enormemente il fatturato di questa gigantesca azienda. Inoltre il suo programma di affiliazione è il più apprezzato al mondo.

Di conseguenza è molto semplice raggiungere queste cifre. D’ altra parte si stima che ogni anno Jeff Bezos guadagni 100.375.000.000 di dollari.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • Binarium
    Binarium

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

In altre parole il fondatore di Amazon guadagna:

  • 8.364.583 miliardi di dollari al mese
  • 2.091.145 miliardi di dollari a settimana
  • 298.735 milioni di dollari al giorno
  • 12.447 milioni di dollari ogni ora
  • 207.454 mila dollari ogni minuto
  • 3457 mila dollari ogni secondo

Probabilmente manco Jeff immaginava di poter arrivare cosi in alto. D’ altra parte nel 1994 dopo essersi licenziato si rintanò nel suo garage di casa per aprire il sito di Cadabra. In un primo momento lo scopo di questo sito era quello di vendere libri online. In un secondo momento il nome del sito venne cambiato in Amazon e cominciò a vendere anche altri prodotti. Il repertorio aumentò sempre di più fino ad arrivare a vendere praticamente qualsiasi cosa.

Questo dimostra che gli uomini più ricchi del mondo sono partiti da zero. Non esistono le raccomandazioni o la provenienza da famiglia agiate. D’ altra parte le statistiche parlano chiaro. 9 miliardari su 10 sono partiti da zero!

Come spende Jeff Bezos i suoi soldi ?

Il patrimonio di Jeff Bezos viene sicuramente impiegato per dedicarsi ad attività ricreative. Infatti il fondatore di Amazon ama godersi la vita. Tuttavia la fetta più grande dei suoi guadagni viene investita in progetti ed attività volti ad incrementare sempre di più il suo gigantesco patrimonio.

D’ altra parte i guadagni del numero uno di Amazon sono così grandi da rendere il divorzio da sua moglie il più costoso della storia dell’ umanità.

Vediamo quindi come spende Jeff Bezos i suoi soldi.

Spese per investimenti

Innanzitutto voglio raccontarti delle spese sostenute da Bezos per far crescere ancora di più la sua attività imprenditoriale.

D’ altra parte una grande parte del patrimonio di Jeff Bezos viene spesa per investimenti. Infatti il milionario statunitense nel corso di questi decenni ha sostenuto spese notevoli per finanziare nuove attività.

Vediamo in quali sono gli investimenti più importanti fatti dal numero uno di Amazon.

Acquisto di Seattle

Come detto pocanzi, Bezos ha fondato Amazon partendo dal suo umile garage sito a Seattle. Col passare del tempo il suo business è cresciuto sempre di più. Di conseguenza il suo quartiere generale si è ampliato sempre di più estendendosi nelle zone limitrofe.

Purtroppo, almeno per ora, Bezos non è proprietario dell’ intera città di Seattle. Tuttavia buona fetta della cittadina e riconducibile alla sua attività. Ovviamente Jeff potrebbe comprare l’ intera Seattle in ogni momento.

Nel presente però possiede 33 edifici in cui lavorano circa 40.000 persone. L’ ambiente è ricco di vetrate ed è molto spazioso. Tante luce naturale e tanto verde rende l’ attività di questi edifici veramente piacevole nonchè di grande impatto. Il costo del suo immenso quartier generale ammonta a circa 4.000.000.000 di dollari e lo spazio dello stesso è di circa 3.300.000 mq.

Blue Origin

In quanto grande imprenditore, il patrimonio di Jeff Bezos viene investito perlo sviluppo di nuovi progetti imprenditoriali. Infatti uno dei più importanti subito dopo Amazon si chiama Blue Origin.

Lo scopo di questa società è quello di sviluppare nuove tecnologie per favorire nei prossimi anni il turismo spaziale. Questo centro di ricerca è stato finanziato dal patron di Amazon e l’ efficienza dimostrata nella gestione del progetto ha ottenuto anche l’ approvazione della NASA.

Di conseguenza l’ ente spaziale ha provveduto ad elargire sovvenzioni al progetto per un ammontare di 30 milioni di dollari. Tuttavia questo contributo rappresenta solamente una piccola parte dell’ esborso sostenuto da Bezos.

Washington Post

Ben 250.000.000 di dollari del patrimonio di Jeff Bezos sono stati spesi per acquistare il prestigioso giornale del Washington Post. Questo acquisto datato 2020 è sicuramente uno degli investimenti più importati compiuto dal miliardario statunitense.

Azioni Google

Il fondatore di Amazon possiede un’ enorme quantitativo di azioni Google. Infatti è dal 1998 che il patrimonio di Jeff Bezos viene investito in parte nell’ acquisto di azioni di questo tipo. Il suo primo investimento è di 250.000 dollari ma dato l’ afflusso di investimenti sempre più grandi, oggi il miliardario statunitense possiede milioni di azioni.

Whole Foods Market

Uno degli investimenti più importante del fondatore di Amazon è sicuramente l’ acquisto del Whole Foods Market. Infatti una porzione del patrimonio di Jeff Bezos è stata impiegata per prelevare la popolarissima catena di supermercati. In origine il costo di questa operazione è stato di ben 14 miliardi di dollari.

PillPack

Tra i numerosi investimenti del milionario statunitense, degno di nota è il miliardo di dollari speso per l’ acquisto di PillPack. Infatti il patrimonio di Jeff Bezos finanzia in piccola parte questa prestigiosa farmacia online.

Spese per la vita privata

Oltre ad investire nella creazione di nuove entrate, ovviamente il patrimonio di Jeff Bezos finanzia anche quelle attività utili per godersi la vita. Quando si parla di divertimento o vita agiata, il fondatore di Amazon non si fa mancare proprio niente.

Vediamo quindi in che modo l’ uomo più ricco del mondo spende per divertirsi.

Escursioni marine

Una parte del patrimonio di Jeff Bezos finanzia le escursioni marine. Infatti il fondatore di Amazon ama esplorare i fondali dell’ oceano. Di per se questo hobby è abbastanza costoso e dato che Bezos si dedica frequentemente a questa attività possiamo dedurre che la spesa annuale è notevole.

Al riguardo voglio condividere assieme a te una piccola curiosità. Nel 2020 durante un’ esplorazione nell’ Oceano Atlantico a oltre 4000 metri di profondità, Bezos trovò il motore che nel 1969 portò l’ uomo sulla Luna.

Orologio dei 10.000 anni

Una piccola parte del patrimonio di Jeff Bezos è speso per finanziare la costruzione dell’ orologio dei 10.000 anni. Si tratta del mitico
The Clock of the Long Now” costato circa 42.000.000 di dollari.

Questo orologio è un simbolo che rappresenta il progresso della civiltà moderna. Tale progresso è così grande da poter creare una tecnologia in grado di scandire l’ andare ed il venire delle numerose generazioni che verranno nei secoli futuri.

La generazione di oggi prima o poi sparirà. Bezos e molto probabilmente anche Amazon vedranno la loro fine.

Tuttavia questo mega orologio creato oggi vivrà per sempre (o quasi). Infatti la struttura creata in una montagna del Texas a 500 metri di profondità ed alimentata con energia rinnovabile dovrebbe durare per ben 10.000 anni!

Jet Privato

Tutti i miliardari hanno un Jet privato e ovviamente anche il CEO di Amazon ne possiede uno tutto suo. Infatti una parte del patrimonio di Jeff Bezos è speso per acquistare e mantenere un Jet il cui costo ammonta quasi ad 80 milioni di dollari.

Ville di Lusso

Il fondatore di Amazon possiede tante case. Infatti il patrimonio di Jeff Bezos è speso in parte per l’ acquisto ed il mantenimento di numerose residenze di lusso.

Una delle più importanti è sicuramente quella situata a Washington. Il suo costo ammonta a ben 23 milioni di dollari e si estende su 2500 mq e comprende ben 25 bagni. Bezos la comprò 2020 prelevando quello che in origine era un vecchio museo tessile. In quanto struttura risalente al 1912, questa casa è considerata costruzione storica.

E’ situata nello stesso quartiere in cui risiedono altri nomi importanti come Obama, Trump e altri big statunitensi.

Ovviamente questa è una delle tante ville del miliardario statunitense. Se desideri fare un tour completo sulle sue numerose dimore visita questo link.

Guardie del corpo

Ovviamente una parte del patrimonio di Jeff Bezos è speso per salvaguardare la sicurezza del numero uno di Amazon. Infatti solamente nel 2020 il costo delle guardie del corpo al servizio del miliardario statunitense è di 1.600.000 di dollari.

Facendo alcuni calcoli capiamo che la spesa mensile per la sicurezza è di 133.000 dollari ovvero 33.000 a settimana. Di conseguenza la spesa giornaliera per la sicurezza di Bezos è di quasi 5.000 dollari.

Conclusione

Adesso anche tu conosci l’ immenso patrimonio di Jeff Bezos. Il numero uno di Amazon è l’ uomo più ricco del mondo e tutte le statistiche riguardanti il più grande sito e-commerce al mondo lo dimostrano.

Per esempio durante il Prime Day in 24 ore partono circa 750.000 ordini ovvero 22 al secondo solo in Italia. Questo dato risale al 2020 e ogni anno segna nuovi record. Secondo un recente sondaggio 9 italiani su 10 comprano su Amazon almeno una volta ogni anno. Di questi circa il 25% compra quasi tutto su Amazon.

In tutto il mondo ben 300.000.000 di persone comprano sul più grande sito e-commerce al mondo e circa 25.000.000 di persone ogni giorno comprano su questo gigantesco sito. Infatti per Jeff Bezos, Amazon è la fonte di reddito più importante in assoluto. Se poi consideriamo tutte le altre attività capiamo quanto è facile per Jeff guadagnare oltre 3.000 dollari al secondo.

Prima di concludere ci sono altre interessanti curiosità che devi assolutamente conoscere sul portafoglio del fondatore di Amazon. Guardando questo video potrai conoscere altri dettagli alquanto bizzarri sulle finanze dell ‘ uomo più ricco del mondo.

Jeff Bezos biografia libro e patrimonio del fondatore di Amazon

In questa guida parleremo di uno degli uomini più ricchi del mondo: Jeff Bezos che pensa un po’ ha iniziato la sua fortuna come un comune studente di IT, cioè di informatica negli Stati Uniti.

Spesso si parla del “sogno americano” e possiamo dire che proprio Jeff Bezos incarna questo “sogno”: solo pochi anni fa, l’azienda da lui fondata era una comune start-up che è diventata il colosso Amazon che conosciamo oggi.

Un po’ come Elon Musk, fondatore di Tesla , anche Jeff è diventato famoso grazie all’ascesa del marchio della sua azienda Amazon.

Possiamo dire che oggi, Jeff Bezos è una celebrità discussa e chiacchierata con milioni di “seguaci” su Facebook e Twitter.

Andiamo a vedere in questa guida biografia tutti i segreti sulla sia storia e come ha fatto a diventare famoso e celebre.

Ecco di cosa parleremo.

Indice e sommario:

Jeff Bezos biografia

Jeff Bezos è nato Jeffrey Preston Jorgensen il 12 gennaio 1964, ad Albuquerque, nel New Mexico negli Stati Uniti d’America.

All’età di quattro anni, in seguito al secondo matrimonio di sua madre con Mike Bezos, Jeff ha iniziato ad usare il nome del suo patrigno, poiché lui e il suo padre naturale non erano più in contatto.

La famiglia Bezos si trasferì successivamente a Houston, in Texas, dove il suo patrigno aveva trovato lavoro presso la Exxon Oil Company.

Bezos ha frequentato la River Oaks Elementary School di Houston e poi la Miami Palmetto High School con una borsa di studio di merito nazionale dopo che la sua famiglia si era trasferita in Florida.

Durante il liceo, Bezos ha ricevuto un Silver Knight Award dopo aver frequentato il programma di formazione scientifica per studenti dell’Università della Florida.

In seguito ha frequentato la Princeton University, dove si è laureato nel 1986 in ingegneria elettrica e informatica.

Era in particolare un membro della Phi Beta Kappa ed è stato anche eletto nelle società d’onore Tau Beta Pi.

Dopo la laurea a Princeton, Bezos ha ricevuto offerte di lavoro da alcune delle più grandi aziende degli Stati Uniti.

Tuttavia, ha continuato a lavorare per una start-up di telecomunicazioni finanziarie chiamata Fitel prima di trasferirsi successivamente nel settore bancario dove ha lavorato come manager presso Bankers Trust.

Nel 1990, Bezos è entrato a far parte della società di gestione degli investimenti D. E. Shaw & Co, dove è diventato vice presidente in solo quattro anni.

Jeff Bezos, che il New York Times ha descritto come una “persona aziendale brillante, ma misteriosa e a sangue freddo”, ha altri importanti interessi commerciali tra cui la compagnia spaziale, Blue Origin, il quotidiano americano, The Washington Post e la società di private equity, Bezos Expeditions.

Noto è il desiderio personale di riportare gli uomini a colonizzare la Luna, tramite la sua società Blue Origin.

La rivista Time lo ha nominato Persona dell’anno nel 1999 e nel 2020 lo ha incluso nella lista delle persone più influenti al mondo.

È diventato milionario nel 1997 e in soli due anni, è talmente aumentato la sua ricchezza, fino a diventare un ultra miliardario con un patrimonio netto dichiarato di 10,1 miliardi di dollari nel 1999.

Ha continuato poi a far crescere in modo esponenziale i suoi soldi fino a che lo hai visto diventare uno tra le 20 persone più ricche del mondo.

Oggi si contende il primo e il secondo posto con il fondatore di Microsoft Bill Gates.

Pensa che quando permette delle interviste, ancora ricorda con sentimento i mesi passati con i nonni nel rench texano, dove ha imparato la cultura del lavoro che lo ha portato dov’è ora.

Nel Ranch dei nonni ha persino imparato a castrare i tori, da cui ha preso il nomignolo di “castratore”, come alcuni amici e giornalisti lo chiamano.

Di certo è stato uno che ha fatto la gavetta e che non è nato con un patrimonio pronto da gestire come molti figli di papà.

Una delle esperienze più difficile, è stata l’esperienza a lavorare nel Mc Donald.

Il duro lavoro non lo ha mai spaventato e quella esperienza lo ha segnato in particolare.

Tuttavia, il suo obiettivo era quello di studiare IT, cioè informatica.

Ecco alcuni dati salienti della sua vita:

  • Nome di nascita: Jeffrey Preston Jorgensen
  • Data di nascita: 12 gennaio 1964
  • Luogo di nascita: Albuquerque, New Mexico, Stati Uniti
  • Istruzione: Princeton University
  • Professione: Tecnologia, Imprenditore, Investitore, Filantropo
  • Altezza: 173 cm
  • Peso: 70 kg circa
  • Patrimonio netto: 108 miliardi di dollari (2020).

Chi è il proprietario di Amazon? Come è nata Amazon?

Nel 1993, ebbe l’idea di lasciare il suo lavoro e avviare una libreria online.

Secondo quanto riferito, ne ha parlato ai suoi genitori ed erano molto scettici, soprattutto perché il suo attuale lavoro era molto sicuro.

Nel 1994, Jeff Bezos alla fine fece l’enorme passo di lasciare e avviare la propria compagnia che chiamò Amazon .

Amazon, che iniziò come libreria, si trasformò in un negozio al dettaglio online generale.

Dopo aver acquistato tutte le altre aziende concorrenti e lanciato filiali come Amazon Web Services e Amazon Kindle, la società è diventata in pochi anni e già dal 2020, il più grande rivenditore shopping online al mondo.

Pensa che all’inizio i nomi scelti per l’azienda erano “Cadabra” o “Reletless”.

È stato Todd Tarbert, l’ex legale di Bezos, a convincerlo a cambiargli la denominazione.

Così decisero di chiamare l’azienda “Amazon” proprio prendendo spunto dal fiume il Rio delle Amazzoni a cui si ispira anche il logo del logo col sorriso.

Jeff Bezos istruzione: dove ha studiato

Il percorso scolastico e l’istruzione che hanno portato Jeff Bezos dove è oggi, possiamo dire che è iniziato dopo le superiori, quando si è iscritto all’università di Princeton e precisamente alla facoltà di informatica.

Ovviamente si è laureato con il massimo dei voti e moltissime famose aziende hanno iniziato a cercarlo.

In poco tempo inizia a lavorare con famose grandi aziende come la Fitel, start-up informatica per poi passare, dopo aver rifiutato diverse proposte allettanti da parte della Intel, all’Hedge Fund DE Shaw.

Inizia qui il suo connubio tra tecnologia e finanza.

Ricordiamo che le azioni Amazon sono lo specchio di un’azienda che non solo è il più grande e-commerce del mondo, ma anche un colosso finanziario.

Quanti anni ha Jeff Bezos: storia

Dopo solo 4 anni presso l’hedge fund DE Shaw, Jeff a 30 anni viene nominato vice presidente.

Ma inaspettatamente non è contento della posizione ricevuta e della carica di vice presidente.

Così ha deciso di ricominciare tutto di nuovo e buttarsi anima e corpo in una nuova avventura: il business della vendita di libri online.

Insieme alla sua ora ex moglie, MacKenzie Tuttle, ad un certo punto ha pensato di cambiare residenza e di spostarti nel Texas per poi andare a Seattle.

Di certo lui aveva già capito che Internet sarebbe stata la svolta mondiale nelle comunicazioni e negli affari.

Anche lui come personaggi famosi e celebri del calibro di Bill Gates e Stave Jobbs, ha iniziato in un garage trasformato in ufficio.

C’era pensa un po’ solo una stufa e la foto del logo Amazon appeso al muro della stanza.

Come molti sanno, ma non tutti, all’inizio la società doveva chiamarsi “Cadabra”, ma il suo consulente gli fece notare che questa parola aveva un suono troppo simile alla parola “cadavere” in inglese, cosa di certo non proprio positiva.

Per questo motivo hanno deciso poco dopo di chiamarla in onore del fiume Il Rio delle Amazzoni.

Il successo non si fece attendere e ben presto ha abbandonato il box auto per passare ad un vero ufficio.

Dopo pochissimo tempo il fatturato dell’azienda parte subito verso l’alto e iniziano i finanziamenti per costruire i centri di smistamento per i libri in tutti gli Stati Uniti.

Dopo solo 3 anni dalla sua fondazione, Amazon decide di passare al grande salto: la quotazione in borsa.

La quotazione passa a circa 300 milioni di dollari e il successo bussa alla porta del fondatore Jeff Bezos.

Già poco dopo la quotazione in borsa, Jeff decide che la diversificazione è uno degli aspetti finanziari più importanti per far decollare il business a lungo termine.

A questo punto ha deciso allora di accostare alla vendita dei libri altri prodotti come i CD musicali per poi passare nel 1999 ad essere un vero e proprio punto di riferimento per tutti i rivenditori anche di libri introvabili.

La diversificazione è continuata in modo esponenziale fino a diventare un vero e proprio mercato con milioni di rivenditori di tutti i prodotti e servizi possibili.

Ricordiamo per dovere di cronaca che anche Amazon ha avuto la sua crisi durante il periodo della bolla delle aziende dot com dove le azioni Amazon hanno perso valore dai 100 fino ad arrivare a 10 dollari.

A parte questo inattesa battuta di arresto, ora le azioni Amazon sono valutate più di 2.000 dollari ciascuna e molti le definiscono un successo senza precedenti.

Pensa che Jeff aveva portato in borsa un’azienda dal valore di 1 dollaro per arrivare ora a più di 2.000.

Jeff Bezos moglie e figli

Jeff Bezos è nato da Jacqueline Gise e Ted Jorgensen che erano entrambi adolescenti al momento della sua nascita.

La coppia si sposò subito dopo la nascita del figlio, ma a seguito di problemi finanziari e negligenza di Jorgensen, il matrimonio finì con il divorzio dopo soli diciassette mesi.

Jacqueline, che è stata anche chiamata con il soprannome Jackie o Jacklyn, ha poi sposato un immigrato cubano chiamato Miguel, detto Mike, Bezos che ha adottato suo figlio, mentre il suo padre biologico ha lasciato il New Mexico e si è trasferito in Arizona dove ha aperto un’officina per la riparazione di biciclette e si è risposato.

Mike e Jackie Bezos sono ancora sposati oggi e hanno altri due figli: Mark Bezos e Christina Bezos.

Jeff Bezos si è poi sposato con la scrittrice MacKenzie Tuttle che ha incontrato nel 1992, mentre lavorava per una società di gestione degli investimenti a Wall Street.

La coppia si è sposata un anno dopo che si è trasferita a Seattle, Washington, dove avevano domicilio fino alla momento del divorzio.

Hanno quattro figli; tre figli e una figlia adottata dalla Cina.

Bezos, che è un sostenitore della legalizzazione del matrimonio tra persone dello stesso sesso, si dice che sia cristiano come religione.

A luglio 2020 il divorzio di Bezos è ufficialmente definitivo.

L’accordo lascia MacKenzie Bezos con una quota del 4% nel colosso dello shopping online del valore di oltre 38 miliardi di dollari, secondo Bloomberg, rendendola la terza donna più ricca del mondo.

Alla fine di maggio 2020, MacKenzie Tuttle Bezos ha firmato il Giving Pledge per donare almeno metà della sua ricchezza in beneficenza.

È una degli oltre 200 filantropi che hanno aderito all’iniziativa per incoraggiare i miliardari del mondo a donare la loro ricchezza a cause caritatevoli dopo la loro morte.

In una lettera pubblicata sul sito web del Giving Pledge, MacKenzie Bezos ha dichiarato di avere “una quantità sproporzionata di denaro da condividere”.

Le migliori piattaforme per negoziare le azioni Amazon

Ti proponiamo una intervista con 5 regole per avere successo.

Chi è Jeff Bezos? La biografia dell’uomo più ricco del mondo

19 Aprile 2020 – 11:30

17 Gennaio 2020 – 09:30

La vita e la storia di successo di Jeff Bezos, l’uomo più ricco del mondo, fondatore e amministratore di Amazon.

L’imprenditore americano Jeff Bezos, classe 1964, è il fondatore e amministratore delegato di Amazon (AMZN) e proprietario del giornale «The Washington Post». Le sue imprese di successo lo hanno portato a diventare l’uomo più ricco del mondo secondo la classifica aggiornata da Forbes.

Da giorni il nome è rimbalza sui titoli delle testate internazionali a causa del suo imminente divorzio da Mackenzie Tuttle, un addio che potrebbe costargli metà del patrimonio accumulato dal 1993, anno delle nozze, ad oggi e il primato di più ricco del pianeta.

In attesa di ulteriori sviluppi, la sua storia di successo di Jeff Bezos e i dettagli contenuti nella sua biografia rimangono fonte di ispirazione per molti.

Chi è Jeff Bezos?

Jeff Bezos, imprenditore e pioniere nel settore dell’e-commerce, nasce il 12 gennaio 1964 ad Albuquerque, nel New Mexico (Stati Uniti). Fin dalla giovinezza Bezos ama i computer, motivo per cui studierà informatica ed ingegneria elettronica alla Università di Princeton.

Dopo la laurea lavora a Wall Street e nel 1990 è diventa il vicepresidente senior più giovane presso la società di investimento D.E. Shaw. Quattro anni dopo, lascia il suo lavoro ben retribuito per fondare Amazon.com, una libreria virtuale che nel tempo è diventata una delle più grandi storie di successo di Internet.

Nel 2020, Bezos acquista The Washington Post per 250 milioni di dollari. I suoi segreti per avere successo lo hanno reso l’uomo più ricco del mondo, superando il primato che da anni spettava a Bill Gates, fondatore di Microsoft.

Primi anni di vita, studi e carriera

Jeff Bezos nasce il 12 gennaio 1964 ad Albuquerque, nel New Mexico, da una madre adolescente, Jacklyn Gise Jorgensen, e dal suo padre biologico Ted Jorgensen. Gli Jorgensen erano sposati da meno di un anno al momento della nascita del piccolo Jeff. Il matrimonio finisce, e quando questi ha 4 anni sua madre si risposa con l’immigrato cubano Mike Bezos.

Da bambino, Jeff Bezos mostra un precoce interesse per il funzionamento delle cose, trasforma il garage dei suoi genitori in un laboratorio e manipola aggeggi elettrici all’interno di casa. Si trasferisce a Miami con la sua famiglia da adolescente, dove sviluppa l’amore per i computer e si diploma al liceo. È proprio durante le superiori che dà inizio alla sua prima attività, il Dream Institute, un campo estivo educativo per giovani studenti.

Bezos coltiva il suo interesse per i computer alla Princeton University, dove si laurea cum laude in informatica e ingegneria elettronica nel 1986. Dopo la laurea, trova lavoro in diverse aziende di Wall Street, tra cui Fitel, Bankers Trust e la società di investimento D.E. Shaw. È qui che incontra sua moglie, Mackenzie, e diviene il più giovane vicepresidente della compagnia nel 1990.

Jeff Bezos e la moglie Mackenzie

Nonostante la sua carriera nel campo della finanza sia estremamente redditizia, Bezos sceglie di compiere una mossa rischiosa e dedicarsi al nascente mondo dell’e-commerce. Lascia il lavoro nel 1994, si trasferisce a Seattle e cavalca le potenzialità inespresse del mercato di internet aprendo una libreria online.

Jeff Bezos e il lancio di Amazon.com

Bezos apre l’ufficio della sua nuova società nel suo garage dove, insieme a pochi dipendenti, inizia a sviluppare il software. Ampliano le operazioni trasferendosi in una casa con due camere e finalmente il team sviluppa il test del sito web.

Dopo aver invitato 300 amici a testare il sito in versione beta, Bezos apre Amazon.com, nome ispirato al noto fiume in Sud America, il 16 luglio 1995.
Il successo iniziale dell’azienda è impressionante. Senza alcuna promozione, Amazon.com riesce a vendere libri negli Stati Uniti e in altri 45 paesi stranieri in 30 giorni. In due mesi, le vendite generano $20.000 a settimana, una crescita molto più rapida di quanto previsto da Bezos e dal suo team di start-up.

Amazon.com viene quotata nel 1997, facendo interrogare molti analisti di mercato sul fatto che l’azienda potesse reggere o meno il confronto con i negozi tradizionali che lanciavano i propri siti di e-commerce. Due anni dopo, la start-up non solo tiene il passo, ma supera anche i concorrenti, diventando infine leader dell’e-commerce.

Bezos continua a diversificare le offerte di Amazon con la vendita di CD e video nel 1998 e più tardi tramite la vendita di vestiti, oggetti di elettronica, giocattoli e altro ancora attraverso delle partnership commerciali. Se molti siti nati nei primi anni ’90 sono poi falliti, Amazon è cresciuta a dismisura grazie alle vendite annuali che sono passate da $510.000 nel 1995 a oltre $177 miliardi nel 2020.

Nel 2006, Amazon.com lancia il suo servizio di video on demand; inizialmente noto come Amazon Unbox on TiVo, viene rinominato poi in Amazon Instant Video. Nel 2007, la società lancia il Kindle, un lettore digitale e palmare di libri che consente agli utenti di acquistare, scaricare, leggere e memorizzare numerosi libri.

Nello stesso anno, Bezos annuncia il suo investimento in Blue Origin, una società aerospaziale con base a Seattle che sviluppa tecnologie per offrire viaggi spaziali a clienti paganti.

Bezos fa entrare Amazon nel mercato dei tablet con il lancio del Kindle Fire nel 2020. Il settembre successivo annuncia il nuovo Kindle Fire HD, il tablet di nuova generazione dell’azienda.

L’acquisto di ’The Washington Post’

Bezos fa parlare di sé in tutto il mondo il 5 agosto 2020, quando acquista The Washington Post e altre pubblicazioni affiliate dalla casa madre per $250 milioni. L’accordo segna la fine del regno sul The Post Co. della famiglia Graham.

The Post avrebbe potuto sopravvivere sotto la proprietà della società ed essere redditizio nel prossimo futuro”, ha dichiarato Donald E. Graham, presidente e amministratore delegato dell’azienda, nel tentativo di spiegare la transazione. “Ma volevamo fare di più che sopravvivere, non sto dicendo che questo garantisca il successo, ma ci offre maggiori possibilità di successo”.

In una dichiarazione inviata ai dipendenti del Post il 5 agosto di quell’anno, Bezos scrive: “I valori di The Post non hanno bisogno di cambiamenti [. ] Ci saranno, naturalmente, cambiamenti al The Post nei prossimi anni: è essenziale e sarebbe successo con o senza la nuova proprietà: Internet sta trasformando quasi ogni elemento del business delle notizie: accorcia i cicli di notizie, erode le fonti di reddito affidabili a lungo termine e consente nuovi tipi di concorrenza, alcuni dei quali hanno costi di raccolta delle notizie scarsi o nulli. Mappare e tracciare un percorso non sarà facile, avremo bisogno di inventare, il che significa che avremo bisogno di sperimentare. Il nostro punto di riferimento saranno i lettori, comprendendo ciò di cui si interessano: governo, leader locali, aperture di ristoranti, aziende, enti di beneficenza, governatori, sportivi – e lavorando a ritroso da lì. Sono eccitato e ottimista riguardo l’opportunità di inventare”.

Amazon Prime e Amazon Studios

All’inizio di dicembre 2020, Bezos fa scalpore quando rivela una nuova iniziativa sperimentale di Amazon, denominata «Amazon Prime Air», che utilizza droni – macchine controllate a distanza che possono eseguire una serie di compiti umani – per i servizi di consegna forniti ai clienti.

Secondo Bezos, questi droni sono in grado di trasportare oggetti che pesano fino a cinque chili e sono in grado di viaggiare entro una distanza di 10 miglia dal centro di distribuzione dell’azienda. Afferma inoltre che Prime Air potrebbe diventare una realtà in meno di quattro o cinque anni.

Bezos è protagonista anche di uno dei pochi grandi passi falsi di Amazon quando la società lancia il Fire Phone nel 2020; criticato per essere troppo fantasioso, la sua produzione viene interrotta l’anno successivo. Tuttavia, Bezos ottiene una vittoria con lo sviluppo di contenuti originali tramite Amazon Studios. Dopo aver presentato diversi nuovi programmi nel 2020, Amazon ha successo nel 2020 con gli acclamati “Transparent” e “Mozart in the Jungle”. Nel 2020, la società produce e lancia “Chi-Raq” di Spike Lee come primo lungometraggio originale.
Nel 2020, Bezos è davanti alla telecamera per un’apparizione cameo in cui interpreta un alieno in “Star Trek Beyond”.

Jeff Bezos è l’uomo più ricco del mondo

Nel luglio 2020, Bezos sorpassa per la prima volta il fondatore di Microsoft, Bill Gates, come uomo più ricco del mondo. Dopo varie oscillazioni in classifica, ora il primato appare stabile grazie al suo patrimonio netto che ammonta a 126,5 miliardi di dollari (al 19/04/2020).

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su Jeff Bezos

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • Binarium
    Binarium

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Like this post? Please share to your friends:
Come scegliere un broker di opzioni binarie
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: