Opzioni binarie o digitali cosa sono Definizione Guadagnare si può

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • Binarium
    Binarium

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Opzioni binarie o digitali: cosa sono? Definizione

Cosa sono le opzioni binarie o opzioni digitali? Ecco una semplice e pratica definizione di questi nuovi strumenti per fare trading on line.

Dal nome puoi comprendere facilmente il significato più visibile del trading binario: ogni trade può avere 2 soli risultati, uno giusto e l’altro sbagliato. Nel primo caso, quello positivo si dice che l’opzione termina in the money , mentre nel secondo e cioè in caso di perdita, out the money .

Nel trading su opzioni binarie puoi scegliere 2 tipi d’investimento cliccando fisicamente sul tasto opzione call o put , ossia di acquisto o di vendita. Non devi quindi impostare un take profit o uno stop loss, come accade nel trading sul Forex, Futures ecc, in quanto il target di guadagno o di perdita è sempre fissato in partenza.

Il trading binario quindi è puramente speculativo e la semplicità con cui è possibile operare non deve trarre in inganno, in quanto è un’attività molto rischiosa e va presa sul serio e non come una scommessa sui trend dei sottostanti.

Su quali mercati è possibile fare trading con le opzioni binarie?

Questo dipende da ciò che ti mette a disposizione il broker. In linea generale, puoi fare trading sulle materie prime, valute, indici e azioni.

Qual è il rendimento effettivo?

Esso dipende dal tipo di sottostante e dal rischio: un rischio elevato può far giungere il rendimento anche oltre il 400%. Tuttavia è sempre meglio fare trading sulle opzioni a basso rischio. Esse hanno un rendimento medio tra il 70 e l’85% ed inoltre alcuni broker offrono un rimborso anche in caso di perdita.

Conclusioni

È importante che ti renda conto che il trading su opzioni binarie non è tanto semplice come viene descritto. Per comprenderlo al meglio devi necessariamente fare un periodo di pratica con un conto demo.

L’Unico Broker Binario Attendibile: ✔ Dukascopy

Opzioni Binarie Call e Put: cosa sono? Esempi

Uno dei primi passi nel trading su opzioni binarie è quello di capire cosa sono le opzioni call e put. In linea generale un’opzione call è un’opzione di acquisto, mentre un’opzione put è di vendita. Ora però ti spiego il significato pratico sui diversi tipi di opzioni binarie.

Opzione Call e Put su Alto o Basso

Un’opzione call sulla tipologia di opzioni più utilizzate – alto/basso – è il fatto concreto che tu hai investito su un’opzione “alto”. Ciò significa che pensi che il prezzo possa salire ed essere più alto alla scadenza rispetto al momento dell’acquisto.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • Binarium
    Binarium

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Viceversa, con un’opzione put investi su un’opzione “basso”. Secondo la tua analisi pensi che il prezzo possa scendere ed arrivare ad un livello più basso alla scadenza, rispetto al valore in cui hai venduto.

Insomma, se hai esperienza in altre tipologie di trading, è un po’ come andare long e short ad esempio sul Forex.

Opzione Call e Put su Tocca o Non Tocca

Le opzioni “Tocca o Non Tocca” sono di due tipologie, ciò significa che dovrai distinguere un’opzione call e put sia in acquisto che in vendita.

a. Tocca o Non Tocca in Acquisto

Ciò significa che hai un limite sopra il livello di prezzo attuale di un determinato sottostante. Tu devi scegliere se investire su un’opzione call (il prezzo tocca quel limite entro la scadenza) o un’opzione put (il prezzo non tocca quel limite entro la scadenza).

b. Tocca o Non Tocca in Vendita

Nel caso inverso, hai un limite al di sotto del prezzo attuale di un sottostante. Il prezzo tocca o non tocca entro la scadenza quel limite. Nel primo caso sia ha un’opzione call, anche se in realtà vai a ribasso, nel secondo investi in un’opzione put e in tal caso, anche se il prezzo termina alla scadenza ad un livello più basso ma senza toccare il limite, allora l’opzione è in the money, ossia in guadagno.

Opzione Call e Put su Intervallo

Sul grafico sono visualizzati due limiti, uno superiore e l’altro inferiore al prezzo attuale, ciò forma l’intervallo. Se investi in un’opzione call in tal caso guadagni se il prezzo resta dentro l’intervallo alla scadenza. Se invece investi in un’opzione put, guadagni se il prezzo esce fuori dall’intervallo e ci resta fino alla scadenza. Al contrario della tipologia “Tocca o Non Tocca”, con le opzioni sull’intervallo a te interessa solo cosa succede alla scadenza, se il prezzo esce fuori prima dai limiti del range non ha alcuna rilevanza.

Presto pubblicherò dei video per mostrarti le strategie migliori per ogni tipologia di opzione call e put. Per vederli in anteprima, registrati alla newsletter del sito.

L’Unico Broker Binario Attendibile: ✔ Dukascopy

Opzioni binarie vs opzioni digitali: le differenze

Il trading online si è evoluto nel corso degli ultimi anni. Questo percorso evolutivo è stato favorito, se non addirittura forzato, dalla volontà dei broker di abbassare le barriere all’entrata. Il trading si è aperto alle persone comuni e pertanto sono emersi varianti semplificate di molti strumenti speculativi. L’esempio più evidente di questo processo è rappresentato dalle opzioni binarie e dalle nuove opzioni digitali di IQoption.

Cosa sono le opzioni binarie

Ora, tutti sono in grado di comprendere cosa siano le opzioni binarie. E molti, in effetti, pur non essendo trader professionisti, ne conoscono almeno superficialmente i meccanismi. Anche perché c’è relativamente poco da comprendere: il trader sceglie tra le opzioni call e le opzioni put; nel primo caso “vince” se il prezzo alla scadenza risulta superiore al prezzo iniziale, nel secondo caso vince se il prezzo, sempre alla scadenza, risulta minore al prezzo iniziale. Tutto qui.

Cosa sono le opzioni digitali e differenze con le binarie

Quali differenze possono essere rilevate rispetto alle opzioni binarie?

Tra il 60 e il 95%*

Da 25% a oltre il 300%**

Prezzo di acquisto

Pari al prezzo nel momento di acquisto

Pari al prezzo nel momento di acquisto

Uguale al prezzo di acquisto

Diversi tipi di prezzi strike che il trader può scegliere prima di aprire un’opzione digitale

  • *in caso di previsione corretta alla scadenza con prezzo superiore/inferiore al prezzo di acquisto
  • ** in caso di previsione corretta alla scadenza che prevede un prezzo superiore/inferiore allo strike

Per rispondere a questa domanda è necessario, prima di tutto, fornire una definizione delle opzioni digitali.

Una opzione digitale non è nient’altro che un contratto, alla stregua dei CFD. Il trader che acquisisce una opzione digitale si riserva il diritto di acquistare o di vendere l’asset una volta che questi ha raggiunto un prezzo prestabilito. Si parla di diritto, sia chiaro, ma non di obbligo. Nessuno vieta al trader di rinnovare l’opzione o di vendere in ogni momento l’opzione stessa, proprio come se questa fosse un asset a sua volta.

L’unico punto in comune tra opzioni binarie e opzioni digitali sembra essere la consueta distinzione tra “call” e “put”, sebbene gli effetti, nei due strumenti, appaiono completamente diversi.

Una opzione digitale call consente, molto banalmente, di acquistare l’asset e una volta raggiunto il prezzo stabilito si ha la possibilità di creare un profitto esponenziale. Una opzione digital put, invece, consente di venderlo.

Un’altra differenza sostanziale sta nel concetto di strike price. E’ questo, infatti, il nome con cui si indica il “prezzo prestabilito” di cui si è parlato poc’anzi. E’ il trader stesso, almeno in via ufficiale, a decidere lo strike price.

Una differenza importante riguarda anche la variabilità. Le opzioni binarie sono, come si è già detto, strumenti piuttosto semplici, che quindi non lasciano molto margine di discrezione né al trader né al broker. Ne consegue che, se escludiamo alcune piccole novità introdotte nel corso degli anni, le opzioni binarie sono sempre uguale a se stesse. Le variabili in gioco nelle opzioni digitali, invece, sono numerose, e questo permette ai broker di proporre un’offerta quanto mai variegata.

Molto differente è anche il meccanismo di remunerazione.

Curiosità sulle opzioni binarie

Pochi, però, sanno che le opzioni binarie non sono altro che una evoluzione, in senso semplificante, di uno strumento assai più anziano e che da sempre offre opportunità di speculazioni a livelli medio-alti: le opzioni classiche regolamentate. Si tratta, sia chiaro, di uno strumento ben più complesso delle odierne opzioni binarie, quindi appannaggio di pochi. Questa verità, a essere sinceri, è scalfita dalle politiche adottate di alcuni broker, che hanno introdotto anche le opzioni classiche al grande pubblico (vedi IQoption).

Chi investe nelle opzioni binarie, guadagna con il payout, che è una percentuale sul capitale investito, in genere pari al 65-95%. Il pensiero va al mondo delle scommesse, per questo motivo le opzioni binarie sono spesso tacciate di non essere uno strumento di investimento.

Il meccanismo di remunerazione delle opzioni digitali è invece piuttosto complicato: il trader può guadagnare con la compravendita dell’asset, se le condizioni lo consentono (es. vende se lo strike price è raggiunto e l’opzione era put) oppure il rendimento è esponenziale se riesce a seguire il trend.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • Binarium
    Binarium

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Like this post? Please share to your friends:
Come scegliere un broker di opzioni binarie
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: