Opzioni binarie rimbalzo

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • Binarium
    Binarium

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Opzioni binarie: il rimbalzo

Tutte le migliori strategie di trading per opzioni binarie si basano sul concetto di seguire il trend di mercato per ottenere sempre i profitti più elevati. Esiste però un caso in cui è possibile guadagnare molti soldi in pochissimo tempo andando contro quello che è il trend di mercato generale (ma sfruttando un trend locale). Si tratta della cosiddetta strategia del rimbalzo.

Grazie al rimbalzo è possibile guadagnare molti soldi in pochissimo tempo, quasi a colpo sicuro. Che cosa è il rimbalzo? Ci sono dei momenti in cui i mercati finanziari hanno un trend piuttosto forte: ad esempio, si verifica una caduta molto forte del prezzo oppure un aumento. Questi movimenti piuttosto sostenuti si verificano, di solito, in concomitanza con la diffusione con notizie particolarmente interessanti. Ad esempio, se un’azienda diffonde i dati di un bilancio trimestrale particolarmente negativi,il prezzo della sua azione crollerà di colpo. Attenzione che di solito i mercati, nel brevissimo periodo, sono estremamente irrazionali. Questo significa che la caduta del prezzo de titolo azionario sarà maggiore di quanto in effetti dovrebbe essere valutando semplicemente i dati.

I mercati, irrazionalmente, puniscono il titolo e lo fanno scendere. Mentre il titolo sta scendendo, sicuramente i trader di opzioni binarie ne approfittano con una classica strategia che punta a guadagnare soldi sfruttando il trend del mercato. Dunque, continuando nell’esempio, sicuramente è possibile fare soldi con opzioni PUT, comprate magari ripetutamente a scadenze molto ravvicinate (60 secondi o anche 30 secondi, a seconda dell’esperienza e dalla capacità del trader). Nella maggior parte dei casi, quando si verifica il crollo di un’azione (crollo da panico irrazionale) prima o poi il mercato si accorge che in effetti il crollo è eccessivo e non è giustificato e quindi vi è un’improvvisa risalita del prezzo dell’azione stessa. In effetti succede che il prezzo scende così tanto da rendere di nuovo l’azione appetibile per gli investitori. Alcuni investitori, più previdenti degli altri, incominciano a comprare e causano il rimbalzo.

In questi casi parliamo di rimbalzo perché il trend non si inverte. Se è ribassista continua a essere ribassista ma si verifica un’inversione locale del trend stesso. Andare a caccia di rimbalzi è una strategia di trading per opzioni binarie estremamente efficaci: movimenti repentini (crolli o aumenti) possono essere osservati facilmente osservando i grafici. E’ ovvio che all’inizio è opportuno seguire la strategia classica che prevede di seguire il trend, ma al primo segno di inversione si può riconoscere il rimbalzo. A questo punto si interviene, anche pesantemente, cercando di entrare nel rimbalzo prima possibile e di restarci fino alla fine. Operando con opzioni a breve scadenze (esempio con opzioni binarie a 30 secondi) è possibile ottenere risultati davvero eccezionali.

In alcuni casi prevedere e sfruttare i rimbalzi è ancora più facile e sicuro: ad esempio, nel caso dei mercati azionari, ad una seduta in cui si verifica il crollo segue quasi sempre la seduta con il rimbalzo. Questo significa che non bisogna consultare in maniera compulsiva i grafici di tutti gli asset alla ricerca di quello che può fare guadagnare soldi. Basta leggere una buona fonte di notizie finanziare per rendersi conto della situazione e sfruttarla da subito il mattino seguente, alla riapertura dei mercati.

Sfruttare i rimbalzi o seguire il trend?

Su internet ci sono varie guide alle opzioni binarie che mettono a confronto la strategia di seguire i rimbalzi con quella di seguire il trend, facendo notare che entrambe portano profitti ma che la strategia di seguire il trend richiede meno sforzo. E’ vero, lo ammettiamo, ma le due strategie non vanno considerate in contrapposizione. In effetti è possibile affiancarle senza problemi, anzi la combinazione è proprio seguire il trend quasi sempre e prendere i rimbalzi quando si verificano. Non sempre si verificano i rimbalzi, se il crollo (o l’aumento) del prezzo non è troppo repentino e irrazionale non c’è alcun rimbalzo.

Questa osservazione ci può far notare come nel trading online di opzioni binarie bisogna agire con razionalità ma anche con flessibilità, individuando opportunamente la strategia più adatta al momento del mercato.

Il rimbalzo, in opzioni binarie

Il concetto di seguire attentamente il trend d mercato, per profitti elevati, è senza dubbio una strategia esatta per tradare. Ma esiste, però, un sistema che porta a tanto danaro in pochissimo tempo, andando contro quello che è il trend del mercato in generale sfruttando un trend locale. Si parla della strategia cosiddetta del rimbalzo.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • Binarium
    Binarium

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Infatti, grazie al rimbalzo, si può andare quasi a colpo sicuro, ma bisogna riconoscerlo, ovviamente, il rimbalzo. Sono quei momenti in cui i mercati finanziari hanno un trend piuttosto forte: sia una caduta oppure un aumento. Questi movimenti piuttosto sostenuti si verificano solitamente in concomitanza con la diffusione di notizie interessanti.

Se un’azienda diffonde dati di un bilancio trimestrale oltremodo negativo, il prezzo della sua azione immediatamente crollerà… Ma attenzione perché solitamente i mercati sono assolutamente irrazionali: la caduta del prezzo del titolo azionario, potrebbe essere diversa se si valutano semplicemente i dati.

Il titolo scende e i trader di opzioni binarie ne approfittano, naturalmente, con una classica strategia che punta a guadagnare sfruttando il trend del mercato. È possibile raggiungere buoni profitti con opzioni PUT, a scadenze ravvicinate, 30 o 60 secondi in base alla capacità personale. Solitamente, però, quando si verifica il crollo di un’azione, prima o poi il mercato si accorge che il crollo è eccessivo, non giustificato e, quindi, vi è una risalita improvvisa del prezzo della stessa azione. A questo punto, alcuni incominciano a comprare e causano il rimbalzo.

Si parla di rimbalzo perché il trend non si inverte: se è ribassista continua ad esserlo, ma si verifica una inversione locale del trend medesimo. Andare a caccia di rimbalzo è una vera e propria strategia di trading per opzioni binarie ed è estremamente efficace: movimenti repentini, sia il crollo che gli aumenti, possono essere osservati molto facilmente studiando con attenzione i grafici.

Indicatori per opzioni binarie

Lente d’ingrandimento sugli indicatori opzioni binarie, strumenti di utilità indiscussa nel campo del trading online, ideali per coloro che anziché scegliere l’azzardo preferiscono investire con criterio, sfruttando tutti i benefici che ha portato la scienza moderna in questo settore. Conoscendo in modo dettagliato le teorie sugli indicatori e applicandoli al meglio nei mercati trattati dai broker di opzioni binarie, è così possibile guadagnare con un alto grado di probabilità. Quello che vedremo ora è un approfondimento con gli strumenti più diffusi e alcuni consigli per un impiego ideale.

Consigli per l’utilizzo degli indicatori opzioni binarie

Sebbene sia necessario, a nostro avviso, fare uso di indicatori per investire nelle opzioni binarie, il consiglio principale che vi diamo è quello di non prendere in considerazione soltanto questi strumenti, ma di unirli ad informazioni provenienti dalle reali aspettative sul mercato che state trattando. Gli indicatori, servono infatti a prevedere i valori che assumerà in futuro un determinato asset in base a quanto verificatosi nell’ultimo periodo, ma essi non possono certo prevedere rialzi e ribassi frutto del caso o di avvenimenti economici. Mentre la componente d’errore imprevedibile è soltanto minimizzabile, i fatti che possono influenzare i mercati si possono conoscere tramite il calendario economico, altra componente decisiva da unire agli indicatori.

Bande di Bollinger

Entriamo ora nel dettaglio con gli indicatori di opzioni binarie più noti in assoluto, partendo con le Bande di Bollinger, strumento utile per scegliere il mercato obiettivo dei nostri investimenti facendo uso di un fattore importante come la volatilità. La struttura del grafico, in questo caso specifico, vede la presenza di tre curve (chiamate bande) in continuo movimento in base agli sviluppi del valore considerato: in particolare, quando le tre bande sono vicine tra loro significa che in quell’istante la volatilità è bassa, mentre al contrario la lontananza tra le curve è sinonimo di un periodo di elevata volatilità, ovvero il momento giusto per investire in quell’asset con grandi margini di guadagno.

Indicatore ATR

Il grafico a candela generato da un indicatore ATR è un altro dei principali suggerimenti utilizzati dagli investitori nelle opzioni binarie. Acronimo di Average True Range, raccoglie altre informazioni molto utili per scovare i momenti di alta volatilità nel mercato. Il funzionamento consiste nella stima di tre True Range, ossia valori che racchiudono altrettante informazioni per la determinazione dell’Average True Range, derivante dalla media dei tre indici. L’ATR rappresenta il range in cui si prevede che varierà il prezzo dell’asset entro un certo periodo: di conseguenza, viene sfruttato dagli utenti per ricavare informazioni sulla volatilità, dal momento che un ampio intervallo corrisponde ad aspettative su notevoli movimenti di prezzo e cambi di trend.

Media mobile

Uno dei più classici indicatori di opzioni binarie è la media mobile, forse uno dei più banali in assoluto (almeno per intuirne i segnali), ma altamente efficace secondo i più esperti del trading online. Applicate agli investimenti, le medie mobili trasformano la curva regolare del prezzo in un’altra dove vengono attenuati gli effetti dei picchi positivi e negativi (specie se dovuti al caso), con l’obiettivo di indicare con cura qual è il vero e proprio trend di fondo. I momenti in cui l’utente sceglie di effettuare un ordine sono gli incroci della curva del prezzo con quella della media mobile: quando la prima supera la seconda dal basso verso l’alto si scelgono opzioni binarie put, in caso contrario sono consigliate opzioni call.

Oscillatore MACD

Quando si parla di indicatori e di opzioni binarie, impossibile non incorrere nelle quattro lettere del MACD, il Moving Average Convergence/Divergence. Lo citiamo subito dopo la media mobile proprio perché si tratta di un sistema che racchiude al suo interno quanto visto in precedenza, dal momento che il segnale MACD viene generato proprio dalla differenza di due medie mobili, una più veloce e un’altra lenta, a 12 e 26 periodi. Alla fine di tutto, il risultato interpretabile dagli utenti è all’incrocio tra la curva MACD e la Signal Line, un’altra curva che equivale alla media mobile esponenziale del MACD: quando la prima supera la seconda verso l’alto si avrà un segnale di acquisto, mentre in caso contrario si procederà con la vendita.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • Binarium
    Binarium

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Like this post? Please share to your friends:
Come scegliere un broker di opzioni binarie
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: