Petrolio la capitale si chiama Aberdeen

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • Binarium
    Binarium

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Petrolio: la capitale si chiama Aberdeen

In questo momento di passaggio da una stagione finanziaria all’altra, gli investitori, soprattutto gli opzionaristi, sono all’erta perchè vogliono approfittare della volatilità del mercato. Molti altri investitori, invece, cercano d’individuare nuove direttrici d’investimento.

Uno dei settori sempreverdi è senz’altro quello energetico, infatti fa molto tendenza la notizia relativa ad ENI che ha perso quasi la metà degli utili nonostante la soddisfazione espressa dall’ad dell’azienda per i risultati portati a casa nel primo trimestre dell’anno.

Ma non è di questo che vogliamo parlare, quanto piuttosto del petrolio che ha trovato adesso una nuova capitale. Si tratta di Aberdeen, una città situata sulla costa del Mare del Nord in Scozia. L’economia di questa città, fino a pochi mesi fa, era basta sulla pesca e sull’industria tessile ma dagli anni Settanta in poi, con la scoperta dei giacimenti petroliferi sottomarini, si è iniziato ad insistere sull’estrazione di greggio.

E’ così che moltissime aziende, tra cui le multinazionali americane, per esempio la Chevron, hanno cercato delle tecniche nuove per l’estrazione del petrolio e sono andate a fare un po’ di business in Scozia con la perforazione sottomarina.

Gli strumenti testati per il petrolio sono stati poi usati anche per l’estrazione del gas naturale e del petrolio in Messico, in Angola, in Australia, in Congo e in tante altre nazioni.

Aberdeen, la capitale del petrolio

Come lo è diventata, e come supererà la diminuzione delle riserve sottomarine

Aberdeen è una città nel Nordest della Scozia sulla costa del Mare del Nord. La sua economia si basava sull’industria della pesca e sul tessile fino agli anni Settanta, quando la scoperta di grandi giacimenti petroliferi sottomarini l’ha trasformata in uno dei principali centri per l’estrazione del greggio. Un articolo dello Herald Tribune racconta che oggi ad Aberdeen grandi compagnie internazionali come l’americana Chevron mettono a punto le più innovative tecniche di perforazione sottomarine. Le sperimentazioni per l’estrazione del petrolio a grandi profondità vengono poi utilizzate per estrarre gas naturale e petrolio nel Golfo del Messico, in Angola, in Australia, nella Repubblica del Congo e in molte altre parti del mondo.

Aberdeen è la terza città della Scozia, ha circa cinquecentomila abitanti se si comprendono anche le contee circostanti, ma la sua economia è la seconda più ricca dell’intera Gran Bretagna, superata soltanto da Londra. Il reddito medio dei suoi abitanti si aggira tra le le 32 mila e le 49 mila sterline. Il tasso di disoccupazione della città è la metà della media nazionale. Lo stipendio medio per un lavoratore dell’industria petrolifera è di 64 mila sterline, più del doppio della media britannica.

Nonostante quattro decenni di fiorita economia del petrolio l’aspetto della città non sembra essersi modificato: lo Herald Tribune spiega che il buon tenore di vita conquistato dai suoi abitanti non sembra ostentato e i locali sul lungomare, centro della vita sociale cittadina, hanno mantenuto il loro aspetto di locande per pescatori. Aberdeen è la città meno religiosa della Scozia, il 43% dei cittadini si dichiara non praticante e diverse chiese della città sono state riconvertite in bar e ristoranti. Ma è certo cambiato l’aspetto del porto: alle barche delle imprese che si occupavano di pesca si sono sostituite le enormi navi delle compagnie petrolifere. L’amministrazione locale sta pensando di costruire un ulteriore molo supplementare.

Aberdeen era conosciuta fino alla metà del Ventesimo secolo come la “città di granito” o la “città d’argento” per l’aspetto scintillante dei suoi palazzi costruiti con il granito delle cave locali, ma oggi è nota come la “capitale europea dell’energia”. La crescita economica non sembra interrompersi nonostante le riserve di petrolio del Mare del Nord si stiano gradualmente esaurendo. La città infatti, più che sullo sfruttamento del greggio, ha puntato sull’innovazione tecnologica. Le grandi compagnie americane e scandinave lavorano allo sviluppo dei progetti petroliferi sottomarini. Il progetto Rosebank, per esempio, al largo delle isole Shetland impegna la Chevron e i suoi partner in una commessa da 840 milioni di dollari: lo scopo è quello di costruire apparecchiature in grado di lavorare a 3600 metri di profondità mentre le navi per il monitoraggio del lavoro in superficie devono resistere a onde alte molte decine di metri. Gli uomini non possono lavorare sotto un chilometro di acqua per cui devono essere costruiti dei robot sottomarini. Un altro fattore che fa crescere i costi dello sviluppo di queste tecnologie è che lavorando a certe profondità la maggior parte delle attrezzature vanno disposte sul fondo del mare.

L’industria petrolifera mondiale si sta spostando in mare aperto, al largo delle coste del Brasile, degli Stati Uniti e dell’Africa, alla ricerca di acque più profonde e giacimenti ancora inesplorati. Per questa ragione le tecnologie sviluppate ad Aberdden sono essenziali, molto richieste e facilmente esportabili. Tutte le maggiori compagnie specializzate in tecnologie sottomarine come la Schlumberger, la più grande società di servizi petroliferi del mondo, la Cameron International e la Aker Solutions hanno una sede ad Aberdeen. Se le sue capacità di crescita come polo energetico sono ritenute limitate, perché le risorse di petrolio non sono infinite, quelle legate al capitale intellettuale e tecnologico sono ritenute un buon investimento.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • Binarium
    Binarium

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Questo articolo non è più commentabile. Abbonati al Post per commentare le altre notizie.

Borsa: Surface non porta bene a Microsoft

Microsoft, come tutte le aziende che si occupano di tecnologia, dovrebbe mettere a segno in questo periodo un bel numero di vendite, invece sembra che le aspettative in merito a Surface siano state deluse. Il tablet in questione, infatti, non ha venduto quanto avrebbe dovuto. Surface è il tablet della Microsoft presentato soltanto l’anno scorso e pensato per Windows 8. L’amministratore delegato di Microsoft, a giugno dell’anno scorso, pensava che il prodotto in questione dovesse essere emblema dell’innovazione e ottenere grandi risultati nel mondo dei tablet.

Invece gli utenti non si sono innamorati di questo prodotto come s’innamorano dei prodotti della Mela Morsicata. Surface, tra l’altro, è venduto da un anno, in due versioni. Il problema è che i costi sostenuti per produrlo sono superiori ai ricavi ottenuti dalle vendite.

I dati di Microsoft sono noti al mercato e potrebbero influenzare gli investitori, perché l’azienda ha di recente offerto alla SEC, la Security and Exchange Commission, un rapporto annuale sulle operazioni finanziarie. Il cosiddetto Form 10-K ha evidenziato il calo delle vendite dell’azienda e soprattutto ha spiegato che il calo è attribuibile alle aspettative disattese da Surface.

I ricavi legati al tablet, infatti, sono stati di appena 853 milioni di dollari, complessivamente, sia per il modello Surface RT, sia per il modello Surface Pro.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • Binarium
    Binarium

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Like this post? Please share to your friends:
Come scegliere un broker di opzioni binarie
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: